IFOD Inside: Johnny Depp, Ryan Adams e Prisoner

20 febbraio 2017

Venerdì 17 febbraio è stata una data fortunata per il musicista statunitense Ryan Adams che quel giorno ha pubblicato il suo nuovo album: Prisoner.
Il cantante, durante la promozione del suo ultimo lavoro, ha menzionato più volte il suo grande amico Johnny Depp raccontando anche di come l’attore si sia assicutato di “salvare” il dipinto che ora è sulla copertina di Prisoner. I due avevano già collaborato per altri progetti musicali in passato, tra cui il singolo No Shadow.
Leggete questo ed altri divertenti e dolci aneddoti su Johnny Depp nelle citazioni estrapolate dalle recenti interviste a Ryan Adams.

Sono avvenute un sacco di collaborazioni pazzesce allo studio Pax:am di Ryan a Los Angeles
Ce ne sono state un paio che sono state incredibili. Ho registrato un paio di tracce dove alla batteria c’è il mio amico Marshall, alla chitarra Bob Mould, al basso Johnny Depp e io alla chitarra. Se fosse per noi faremmo solo roba punk rock strana e folle. L’abbiamo fatto un paio di volte. Quella roba è davvero figa.

FONTE

MusicBlog: Nell’album comunque ci sono finite solo 12 canzoni. Che fine danno le altre?
Ryan Adams: Le suono a casa mia per i miei gatti.
MusicBlog: E per Johnny Depp
Ryan Adams: Sì, anche per Johnny Depp se capita.
MusicBlog: Andate molto d’accordo, vero?
Ryan Adams: Ci capiamo alla grande. Lui apprezza la mia arte.
MusicBlog: Anche ciò che crei con pennelli e colori. Senza di lui, il tuo nuovo album avrebbe in copertina un dipinto del tutto diverso, giusto?
Ryan Adams: Probabilmente sì. Quando abbiamo dovuto svuotare la casa dopo il divorzio, mia moglie voleva buttare il dipinto nella spazzatura. Ma le ho detto: hey, aspetta un minuto! Magari trovo qualcun’altro che sia interessato. Quindi ho chiamato Johnny e gli ho chiesto se era interessato al dipinto. Ebbene, mezz’ora dopo un van è arrivato e si è portato via il dipinto. Questo apprezzamento mi ha colpito così tanto che ho sentito di dover dare una seconda vita al dipinto. Ed ora è sulla copertina.

FONTE

Comments are closed.